SCIENZA A SCUOLA

Esperienze scolastiche


In autunno la famiglia Fermi si stabilisce nel nuovo Quartiere Montesacro, spostandosi dalla vecchia abitazione di Via Principe Umberto, sempre a Roma. La mamma di Fermi non vide mai questa nuova casa, perché morì nella primavera dello stesso anno.

Dal settembre al dicembre del 1924 si reca in Olanda, a Leida presso l'Università in cui opera Ehrenfest. Viene così in contatto con un ambiente dove la produzione scientifica era a livelli di avanguardia e dove si aveva modo di discutere i propri problemi con maestri di grande spessore e con giovani validissimi colleghi.

Grazie a Ehrenfest riuscì a conquistare quella sicurezza nelle sue qualità, sicurezza che gli era mancata nel soggiorno a Göttingen ma che era indispensabile per un lavoro creativo.

Fermi era timido nella vita comune e non amava distinguersi. ricorda che il suo sorriso era infantile, timido e appariva quando, per qualche motivo, la sua sicurezza svaniva.

A Leida Fermi ebbe modo di conoscere A. Einstein che mostrò nei suoi confronti stima e simpatia.

Alla fine del 1924, si trasferì a Firenze come professore incaricato di Fisica Matematica e oltre a svolgere varie ricerche teoriche si dedicò con F. , che era stato suo collega di Università a Pisa, ad esperimenti di spettroscopia.



Fermi con la fidanzata Laura Capon