SCIENZA A SCUOLA

Esperienze scolastiche


TESTIMONIANZA OCULARE DELL'ESPLOSIONE DI TRINITY

16 Luglio 1945

INTER-OFFICE MEMORANDUM

DATA: 24 Luglio 1945

A: Lt. Taylor
DA: V. Weisskopf
OGGETTO: TESTIMONIANZA OCULARE

Lei mi ha chiesto di sottoporle la mia testimonianza oculare dell'esplosione. Mi trovavo al campo base e osservai il fenomeno da una piccola altura intorno alle 100 yd. a est della torre d'acqua. Gruppi di  osservatori avevano disposto dei bastoncini di legno ad una distanza di 10 yd. dal nostro posto di osservazione per stimare la potenza dell'esplosione. Si erano disposti in modo tale che la loro distanza corrispondeva a 1000 ft. dal punto zero. Io guardai all'esplosione attraverso del vetro scuro, ma mi ero garantito una veduta indiretta del paesaggio per osservare la luce riflessa.

Quando l'esplosione cessò, fui per prima cosa abbagliato da questa luce indiretta che che era più forte di quanto prevedessi, e non fui capace di concentrare lo sguardo attraverso il vetro scuro e persi, pertanto, i primi stadi dell'esplosione. Quando fui in grado di osservare attraverso il vetro scuro vidi fiamme e fumo di un diametro stimabile in 1000 yd. che diminuì lentamente in luminosità in apparenza a causa del maggior sviluppo di fumo. Allo stesso tempo si alzò lentamente al di sopra della superficie. Dopo circa tre secondi la sua intensità era così bassa che potei togliere il vetro scuro ed osservarla direttamente. Poi vidi una palla splendente di fumo rossastro che si levava con un gambo spesso di colore marrone scuro. Questa palla di fumo era circondata da una luminescenza blu che indicava con chiarezza un'intensa radioattività ed era certamente dovuta ai raggi gamma emessi dalla nube nell'aria circostante. In quel momento la nube aveva una radioattività pari a circa 1000 miliardi di curie la cui  radiazione doveva aver prodotto l'iridescenza blu.

I primi due o tre secondi, sentii molto intensamente la radiazione termica su tutte le parti esposte del mio corpo. La parte della mia retina che era esposta alla luce indiretta proveniente dalle montagne intorno era completamente accecata e potei percepire tracce dell'immagine 30 minuti dopo lo shock.

La nube rossastra si scurì dopo circa 10 o 20 secondi e si alzò piuttosto rapidamente portandosi dietro uno spesso gambo di fumo marrone scuro. Dopo di ciò, ricordo di aver visto una semisfera che si alzava sopra la nube in continuazione della breccia della nube di esplosione attraverso il livello ordinario della nube.

Il cammino dell'onda d'urto dentro la nube era pienamente visibile come un cerchio in espansione tutto sopra il cielo dove era coperto dalla nube.

Dopo circa 45 secondi arrivò l'onda sonora e mi colpì con maggiore forza di quanto ritenessi.

V. Weisskopf

tradotto da © Copyright 1998-2001 AJ Software & Multimedia, All Rights Reserved

Victor Weisskopf


Foto per il badge di ingresso a Los Alamos